1993-2018
25 anni
di presenza

Pro Loco "Felix Civitas Lauretana"

info@prolocoloreto.com
Vai ai contenuti
Info Loreto > Da vedere
Uscendo da porta Marina sul piazzale Giovanni Paolo II si può godere della vista sul mare verso il Monte conero attraverso la Valle del fiume Musone, uno spettacolo offerto dalla natura.
Il nome Conero significa "monte dei corbezzoli", derivando dal greco κόμαρος (kòmaros), ossia corbezzolo, un albero mediterraneo molto diffuso nei boschi del Conero e che produce caratteristici frutti rossi localmente molto apprezzati. L'ipotesi è suffragata anche dal fatto che ancor oggi, nel dialetto locale, sia la pianta sia il suo frutto sono detti cocomero, termine che deriva anch'esso dal greco kòmaros con raddoppiamento della sillaba iniziale. L'origine greca del nome si spiegherebbe con la presenza ad Ancona, a partire dal IV secolo a.C., della colonia di Ankon, fondata da un gruppo di greci siracusani.
  • Sempre dal Piazzale Giovanni Paolo II si sviluppa il percorso della Scala Santa. Il sentiero conduce  dalla stazione, posta alla pendice del colle, fino al santuario. Lungo il cammino sono poste 15 edicole rappresentanti i Misteri del Rosario realizzate da Guarino Roscioli. Lo stesso artista ha relizzato la statua in bronzo della Madonna di Loreto che si trova all'inizio della salita.
  • La cinta muraria voluta da Leone X, per proteggere la "Villa di Santa Maria in Loreto" dall'assalto dei Turchi, è composta da due bastioni a pianta circolare in prossimità delle porte di accesso una sud/est e l'altra a nord ovest. Gli spalti sono  caratterizzati da una merlatura singolare rotondeggiante.
Torna ai contenuti